La mia esperienza, e una rete di professionisti al servizio della tua azienda, per proteggere il tuo patrimonio aziendale, mantenere e aumentare la tua redditività.

Da investigatore privato e security manager, sono anni che ho l’opportunità di lavorare fianco a fianco con imprenditori di tutta Italia e realtà internazionali presenti in Italia, vivendo con loro momenti aziendali molto delicati e spesso avendo il pesante compito di condividere spiacevoli disavventure che hanno messo a repentaglio l’intero sistema finanziario ed economico, mettendo a dura prova la stabilità dell’intera azienda. Adesso parlo in prima persona e ci diamo del tu, perché nei momenti sopra descritti, quando c’è una criticità, un problema che deve essere risolto i formalismi non servono.

Ti invito a leggere con attenzione quello che sto per condividere, perché potrebbe servirti ad evitare delle trappole e a tutelare la tua attività.

La tua azienda, il tuo patrimonio e quello delle persone che lavorano, direttamente e indirettamente con te, è fortemente dipendente dalle informazioni, dai comportamenti e dal rispetto delle regole.
Sapere cosa pensano i clienti, cosa stanno per fare, dove pensano di muoversi e quali investimenti fare, ad esempio, rappresentano un tassello di fondamentale importanza per capire, quale servizio o prodotto potrebbe interessare loro e come potrebbe essere proposto.

Pensate ai vostri clienti o ai segreti industriali che proteggete o che fanno parte della produzione dei vostri concorrenti.

Chi è quel cliente che gli acquista tutta questa merce? Quali investimenti stanno progettando i vostri competitors? Su quali prodotti si stanno orientando?

Immaginate di avere la possibilità di sapere con certezza e in anticipo tutte queste informazioni… Sarebbe come giocare una partita a poker conoscendo in anticipo le mosse degli avversari. L’almanacco sportivo di ritorno al futuro sarebbe nelle vostre mani! Un vero colpo di fortuna…E se invece fossi tu quello a giocare a carte scoperte? Se fossero le tue informazioni ad essere messe sul piatto? Se il tuo commerciale facesse fa il doppio gioco, o un tuo dipendente divulgasse i nomi dei tuoi clienti e le condizioni economiche dei vostri rapporti? Dal sogno siamo passati ad un vero incubo.

Non preoccuparti a te non accadrà mai… FORSE…

Non serve toccarti, puoi togliere la mano dalle parti basse sto solo prendendo in considerazione quello che vedo accadere ogni giorno nelle mie attività.

Per quanto può sembrarti improbabile queste cose capitano tutti i giorni, e più di quanto tu possa immaginare.

Lascia che ti faccia alcune domande:

  • Sei certo che il tuo dipendente in malattia o in 104 sia leale e non usi questi permessi in modo improprio?
  • Sei certo che le informazioni della tua azienda siano custodite da persone fidate e leali?
  • Sei sicuro che queste persone non diano un prezzo alla loro lealtà?
  • E quelle password sui computer, sei sicuro che qualcuno le usi in maniera lecita?
  • E vogliamo parlare della rete WI-FI? Delle procedure aziendali? Furti di merce, e gli adempimenti normativi?
  • Dimenticavo, il tuo commerciale che fa?
  • Considera che più fattura e più guadagna, potrebbe essere un mercenario…
  • E tu cosa puoi fare per tutelarti?
  • Quanto credi valga la tua azienda, il buonumore all’interno dei tuoi dipendenti, delle procedure di sicurezza, i tuoi segreti?

Nel corso degli anni ho visto microspie e telecamere posizionate ovunque, in posti che neanche immagini, oppure dipendenti, soci, clienti, registrare e poi usare quelle registrazioni. Dipendenti in malattia svolgere il doppio lavoro, oppure il commerciale portare clienti in altre aziende….

So che starai pensando che sono paranoico, ma non è così… Certo, nel mio lavoro ne vedo tante, e non significa che sei spiato anche tu, ma che prezzo dai alla tua serenità?

Quando compri un’auto, per tutelarti da un furto o peggio, fai un’assicurazione, perché sei previdente e ti stanno a cuore le persone che ne pagherebbero le conseguenze…proprio per questo motivo, per tutelare il tuo patrimonio e la tua azienda, vengo ingaggiato, NON puoi certo assicurare un dipendente infedele….. Perché, partendo dal dipendente infedele, passando al socio che si crea un’azienda parallela e al furto di informazioni e dei tuoi prodotti, fino ad arrivare alle norme non rispettate, molti ne pagherebbero le conseguenze e in primis tu.

Ora permettimi di presentarmi, sono Giuseppe Castrucci, un Security Manager con certificazione riconosciuta in base alla UNI 10459/15, un investigatore privato autorizzato in base al D.M.I. 269/10 ed opero da oltre quindici anni con eccellenti risultati. La mia formazione continua, gli studi universitari, i master e soprattutto l’esperienza sul campo mi consentono, in termini operativi, teorici e tecnici, di offrire attività volte alla tutela degli interessi aziendali, attraverso la protezione e la ricerca di informazioni, della bonifica da cimici, telecamere nascoste e microspie e conversazione della privacy.

Da queste esperienze formative e operative nasce la TITUTELOLAZIENDA.IT, il primo servizio integrato dedicato interamente all’azienda.

Insieme al mio staff abbiamo racchiuso i servizi in tre macro categorie.

  • Prima categoria sono le investigazioni aziendali.
  • Seconda categoria la security aziendale.
  • Terza categoria la compliance aziendale.

Ti faccio un esempio dove in un’azienda abbiamo iniziato con un’attività, per poi concludere con una serie di iniziative che hanno coinvolto tutte le macro categoria, per farti capire in che modo porto vantaggi alla tua azienda, e ti aiutiamo ad aumentare la redditività.

Mi è capitato, tempo fa, durante un’indagine per la verifica del giusto utilizzo dei permessi ex. L. 104, di sentirmi chiedere: “Com’è possibile che il lavoro dei miei dipendenti è sempre in affanno? Io sono spesso fuori per affiancare i clienti in consulenze, e quando rientro in studio il lavoro non mi dà tregua.
Non riesco a capire se le difficoltà che i miei dipendenti incontrano sono reali oppure, non vedendomi in azienda, si rilassano un po’ troppo?

Ecco Giuseppe mi piacerebbe avere risposta a questa domanda”

Dopo l’azione di investigazioni aziendali svolte, ci siamo resi conto che due dipendenti durante le ore di lavoro, non facevano altro che stare su Facebook e chattare con gli amici.

L’indagine ha poi portato al licenziamento dei due dipendenti i quali ormai avevano del tutto compromesso il rapporto di fiducia necessario per continuare il lavoro.

Ma prima di arrivare al licenziamento dei due dipendenti sono accaduti degli eventi che avrebbero messo in serio pericolo la vita aziendale se non fosse stato per il nostro intervento, e se i dipendenti avessero fatto delle segnalazioni agli organi competenti.

Durante la seconda indagine chiedo al titolare dell’azienda se era normale che i dati sensibili, le password, documentazione con all’interno informazioni riservate, fossero così in balìa di tutti.

La risposta fu “Non saprei…” A questo punto interveniamo con un’attività di compliance aziendale che mirava a far rispettare  le procedure e le norme, ma ancor prima la messa in sicurezza dell’adempimento normativo sul nuovo G.D.P.R. Questo sai perché? Un dipendente sa tutto dell’azienda in cui è stato per anni, quindi un dipendente licenziato, specie se risentito per la perdita del posto di lavoro, può farti una segnalazione agli organi competenti. Un controllo da parte della GdF sul primo modello di privacy, e tutti gli adempimenti non rispettati, avrebbe portato una sanzione all’azienda fino al 4% sul fatturato.

Dopo che i dipendenti hanno lasciato le postazioni lavorative, abbiamo provveduto a fare delle attività di security aziendale: La navigazione sui social, lo scaricare immagini all’interno del personal computer, è la maggior fonte di virus e programmi per lo spionaggio. Presi i personal computer abbiamo provveduto a bonificare gli stessi e a metterli in sicurezza per riprendere il lavoro.

A questo abbiamo aggiunto software per una maggior sicurezza dei personal computer dagli attacchi esterni.

In pratica le investigazioni aziendali hanno lo scopo di ottenere informazioni e prove a tutela del patrimonio aziendale, e capirai che i vantaggi di quanto sopra ti ho raccontato, sono stati il licenziamento per giusta causa e il ripristino della giusta serenità tra il personale fedele.

In tutte le situazioni di indagine, le prove prodotte possono essere utilizzate anche in sede giudiziale. Ciò significa che i due maratoneti di Facebook di cui ti ho parlato poco fa, hanno fatto ricorso al licenziamento, ma grazie alle prove prodotte il giudice ha respinto il ricorso sollevando l’azienda dal reintegro dei dipendenti e dl risarcimento a cui sicuramente sarebbe andata incontro.

La compliance aziendale ha lo scopo di far rispettare le regole e la correttezza delle procedure. Le regole e le procedure, sono dettate anche dagli adempimenti normativi obbligatori. Un’ottima gestione della compliance aziendale, reca i vantaggi di evitare sanzioni in caso di accertamenti, e i dipendenti rispettando quelle che sono le procedure, avranno un lavoro molto più snello e facile, quindi meno dispendio di denaro, e più redditività.

La security aziendale porta la tua azienda a fare attività di prevenzione. Previene furti di informazioni, modelli adeguati di sicurezza informatica, bonifiche da microspie e software spia e tutte quelle attività di tutela. I vantaggi di queste attività sono tutte quelle azioni che potrebbero portarci a tutto ciò che riguarda la perdita di redditività, perdita di redditività significa perdita di denaro.

I nostri servizi di TITUTELOLAZIONDA.IT possono essere applicati sia a realtà semplici come le piccole imprese, ditte individuali, società di capitali e per azioni, sia in realtà più complesse e articolate come le multinazionali ed enti pubblici.

Ecco perché utilizzare la mia esperienza, o meglio, la nostra esperienza per aumentare la tua redditività!

RICHIEDI ORA UNA CONSULENZA

L’interessato/a cliccando sul tasto "invia", dichiara di aver letto l'Informativa Privacy e di essere stato/a informato/a sui propri diritti dal titolare del trattamento ai sensi del Regolamento Europeo 679/2016 e pertanto presta il consenso al trattamento dei propri dati personali per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa resa.